Gym if you can

di Jeeves | 08 febbraio 2015, 11:29
  • Richard Gere in American Gigolò 1980

    Richard Gere in American Gigolò 1980

  • Steve McQueen

    Steve McQueen

  • Kevin Spacey in Americ Beauty 1999

    Kevin Spacey in Americ Beauty 1999

  • Jason Bateman e Jeff Goldblum in Due cuori e una provetta 2010

    Jason Bateman e Jeff Goldblum in Due cuori e una provetta 2010

  • Richard Gere in American Gigolò 1980

    Richard Gere in American Gigolò 1980

  • Jerry Lewis in The nutty professor 1963

    Jerry Lewis in The nutty professor 1963

  • Steve McQueen

    Steve McQueen

C’è un momento dell’anno, (precisamente quello tra febbraio e marzo) in cui il gentleman si rende conto con una certa sorpresa che è il caso di incominciare a fare un pochino di attività fisica. Spesso coincide anche con quel momento della vita, in cui ci si rende conto che, non basta portare il cane a passeggio nel parco la domenica mattina per buttare giù quell’antipatica panzetta. Avere un corpo sano, in forma e tonico al punto giusto, dona quella adeguata sicurezza di sé anche al gentleman più navigato. Ed è quello il preciso istante in cui si pensa alla palestra come unica soluzione possibile per garantirsi un futuro sgombro da antipatici pizzicotti sui fianchi da parte degli amici. La palestra croce e delizia del genere maschile. Solo il pensiero di frequentarla fa sentire più in forma. Si vedono signori raddrizzarsi come Superman in procinto di prendere il volo mentre strisciano la carta di credito per pagare la retta. E quello stesso pensiero di doverle frequentare per lungo tempo (perché solo la fatica e il sudore danno risultati veri) affloscia i deltoidi anche del più solerte gentleman. Certo, sarebbe auspicabile, potersi tenere in forma spaccando la legna nel giardino del proprio cottage oppure a suon di battute di caccia alla volpe, partite di tennis, tornei di squash con gli amici, e lunghe sciate. Purtroppo non è così. Il gentleman cittadino si deve rassegnare a una frequentazione nemmeno troppo sporadica della sala attrezzi. La noia è garantita. Pazienza. Si sa che le palestre sono luoghi in cui l’adattamento è difficile e sentirsi a disagio è facile. C’è sempre il fanatico che sbandiera addominali da far invidia a Rocky Balboa. Il perditempo che si incontra a qualsiasi ora del giorno e della notte. Quello che ascolta l’hard rock a decibel che nemmeno L’uomo da sei milioni di dollari potrebbe sopportare. E l’istruttore di spinning, quel tipo insospettabile con la faccia da atleta della Ivy League, che vi farà pedalare fino a quando non avrete più la percezione delle vostre tibie. Welcome to the zoo! Quindi per garantirsi la sopravvivenza e un ventre dignitosamente piatto, meglio considerare qualche punto chiave:

1. un gentleman sa che la palestra è un luogo dove ci si allena, non dove si socializza, tantomeno uno di quei posti dove cercare un nuovo amore.

2. non si monopolizzano i bilancieri e si aspetta il proprio turno prima di usare una macchina, senza gironzolare come un avvoltoio intorno all’affaticato ginnasta che la sta usando.

3. anche nel mezzo del più strenuo allenamento un gentleman non grugnisce troppo forte, almeno non più forte del necessario.

4. dopo aver usato un bilanciere o una pectoral machine è di buon gusto asciugare l’attrezzo dal proprio sudore.

5. la dotazione vuole sempre tre asciugamani, uno per la sala attrezzi, uno per asciugare i capelli e uno per il corpo.

6. negli spogliatoi, sotto la doccia è consentita libertà ma non così tanta da radersi la barba incolta.

7. le flip flop sono d’obbligo, la palestra non è il luogo adatto per fare gli hippy a piedi nudi, sebbene possa sembrare un’attitudine sexy per chi frequenta il terzo millennio.

8. non prestare mai l’iPod e tantomeno le cuffie personali.

poi non bisogna dimenticare che

1. darsi un obbiettivo è una buona cosa, ma che non sia impossibile come perdere 10 kg in due settimane. Quelli si se ne vanno solo con un’infezione gastrica.

2. nessuno nella storia dello sport ha perso peso pedalando con andatura da domenica mattina sulla cyclette  mentre legge il quotidiano.

3. lo snack al cioccoloato non è una barretta energetica ma rimane un uno snack al cioccolato da 3000 calorie.

4. l’abbigliamento supertecnico  è meglio lasciarlo a chi può permettersi di far intravedere dei muscoli veri da quegli strati di lycra traspirante.

Lascia un commento