Israele chic

Case di lusso | di IN COLLABORAZIONE CON WWW.LUXURYESTATE.COM | 10 aprile 2017, 10:24

L’architetto Gali Amit ha realizzato un appartamento duplex scaturito dalla riflessione sulla possibilità di saldare in unità paesaggio urbanistico e ambienti interni. L’abitazione sorge infatti nel cuore di una vivace metropoli come Tel Aviv. Costruito nel 2017, questo appartamento in Israele si estende su due piani, il 32esimo e il 33esimo piano di una torre.

Le grandi finestre che dal pavimento si dipanano fino al soffitto regalando una vista mozzafiato sul panorama urbano. Il primo piano della dimora, destinato alla fruizione pubblica della casa, si configura come uno spazio che si appropria del concetto di urbanistica nel suo sviluppo a doppia altezza, nella tipologia e nella qualità di materiali e tonalità di cui si compone. Le pareti sono realizzate con il cemento, i compartimenti con sottili barre di ottone.

L’appartamento è abitato da una coppia di cinquantenni che amano accogliere in casa numerosi ospiti. L’ospitalità dei coniugi ha condotto alla realizzazione di un appartamento dotato di ampi spazi e di zone destinate allo svago e al relax. La grande cucina in alluminio-grafite Bulthaup è dotata di un’area destinata alla colazione, così come di un’area per il pranzo, non mancano infine un ampio soggiorno e una grande sala da pranzo. Gli ambienti destinati alla fruizione pubblica, ossia l’area per l’intrattenimento, la cucina, il soggiorno e la sala da pranzo, sono collocati al primo piano, sotto il piano rialzato, al fine di conferire alla zona pubblica una maggiore privacy. L’area comprende anche le camere da letto per gli ospiti. Lo spazio centrale accoglie una rampa di scale in acciaio bianco che, allungando otticamente il tetto, conferisce una sensazione di spaziosità al doppio livello e una sottile biblioteca a scaffali servita da una scala a pioli integrata.

Il soppalco interno costituisce la zona privata riservata al relax e all’intrattenimento dei proprietari dell’abitazione. Il piano ospita una camera da letto open space e una palestra. La parte posteriore del letto si configura come una parete divisoria tra i due ambienti. La vista sul paesaggio urbano offerta dall’area del soppalco si dilata all’infinito. Il bagno privato della master suite è avvolto in una delicata parete di vetro che presenta un doppio lavabo e una vasca a forma di ellisse con piastrelle di marmo. L’estetica minimalista, dal taglio pulito, del bagno della camera padronale pervade l’interior design dell’intera abitazione, cui alcuni dettagli come le pavimentazioni in legno, i tappeti e i profili di ottone, conferiscono una tonalità di caldo ambiente famigliare.

  • email
  • Print
  • Facebook
  • Twitter

Lascia un commento