Mani sulla cittA�

Arte e Design | di ilaria danieli | 25 maggio 2017, 15:14

Sono gigantesche le mani simboliche plasmate da Lorenzo Quinn, figlio di Anthony, emergenti dalle acque lagunari per sorreggere Caa�� Sagredo in occasione della 57A� Biennale da��Arte veneziana

SA�, A? proprio a�?quela�? Quinn, il cognome che a tutti ricorda la grande stagione Hollywoodiana, il figlio perA?. Che non A? un attore, ma uno scultore. Lorenzo Quinn, figlio del noto e amato Anthony morto nel 2001, ha svelato qualche giorno fa, in occasione della��inaugurazione della 57A� Biennale veneziana, la sua gigantesca opera, un manifesto a favore della salvaguardia della cittA�. Lo scultore, ormai noto a livello internazionale, ha modellato due enormi mani che emergono dalla��acqua a�� una��installazione tra gli 8 e i 9 metri di altezza a�� per sostenere simbolicamente Palazzo Caa�� Sagredo, nella��area di Rialto, tra la Caa�� Da��Oro e Campo Santa Sofia. Le mani, strumenti che possono tanto distruggere il mondo quanto salvarlo, trasmettono un istintivo sentimento di nobiltA� e grandezza in grado anche di generare inquietudine, poichA� il gesto generoso di sostenere la��edificio ne evidenzia la fragilitA�.


Intitolata Support, la��installazione sarA� visibile al pubblico fino al 26 novembre, mentre, per tutto il periodo della��esposizione, alla��interno della��Hotel Caa�� Sagredo saranno in mostra alcune versioni di altre opere di Lorenzo Quinn, fra cui Leap of Faith (Atto di Fede), esposto alla��Hermitage Museum di San Pietroburgo nel 2011, The Four Loves (I quattro Amori) e Love (Amore), collocate in Berkeley Square e Millbank a Londra nel 2017. Il progetto A? patrocinato dal Comune di Venezia e promosso da Halcyon Gallery con il sostegno di Caa�� Sagredo Hotel.



Per informazioni e la visita alle opere esposte alla��interno:
Fino al 26 novembre, dalle 10.00 alle 19.00. Ingresso libero
Hotel Caa�� Sagredo, Campo S. Sofia 4198/99, 30121 – Venezia
Tel. +39 0412413111 www.casagredohotel.com

  • email
  • Print
  • Facebook
  • Twitter

Comments are closed.