Note di Stile

Moda e Tendenze | di Ilaria De Bartolomeis per Gentleman | 09 gennaio 2018, 11:41

Trecento sono i bozzoli necessari per realizzare un carré, l’iconico foulard, da donna e da uomo, della maison Hermès. Quaranta sono i colori che vengono stampati su ogni pezzo; 24 mesi è il tempo per realizzare una di queste opere da indossare, dalla creazione del disegno alla produzione. 150 metri è la lunghezza dei tavoli utilizzati per stampare la seta, con la tecnica dei quadri.
Questi sono, in numeri, i prodotti di seta, dalle cravatte ai carré, dell’azienda francese guidata da Axel Dumas. Ogni passaggio della lunga lavorazione viene seguito con estrema precisione, così come straordinaria è l’attenzione alla materia prima impiegata e per garantirne la qualità Hermès ha avviato un allevamento di bachi, nel distretto della seta di Lione, dove hanno sede anche i tre stabilimenti produttivi. Una volta arrivate in boutique, le collezioni di seta Hermès corteggiano il pubblico con le loro fantasie, firmate dai moltissimi artisti che collaborano con la maison. E proprio a quest’esperienza sensoriale il brand ha voluto dedicare il progetto Silk Mix, un temporary store allestito al numero 67 di via Condotti a Roma in cui scoprire le collezioni di seta maschile attraverso la musica: 53 motivi per i carré, declinati in 225 modelli, e 25 disegni per le cravatte, proposti in 125 modelli, sono stati abbinati ad altrettanti brani musicali, da ascoltare in uno spazio allestito come se fosse un music shop, con tanto di espositori per i dischi, postazioni per l’ascolto e pareti insonorizzate. Un luogo ideato dagli architetti di Park Associati dove non si compra nulla, perché all’acquisto delle proposte di seta maschile è dedicata solamente la seconda parte dello store. Dopo l’esordio Madrid e prima di approdare a Seoul, Silk Mix rimane aperto a Roma fino al 31 gennaio 2018.

Lascia un commento