Sogni A� la carte

Motori | di Fabio Petrone | 23 febbraio 2018, 12:28

Athena, 90 metri e 2.500 mq di vele.

Per chi va per mare, incrociare una nave da diporto oltre i 24 metri di lunghezza A? ogni volta una��esperienza affascinante e abbastanza frequente, specie se si utilizza la propria barca nei luoghi cult del Mediterraneo. Da Sanremo a Porto Cervo, da Rapallo alla��Argentario, da Ponza a Panarea, dalle Tremiti a Venezia, una buona parte dei circa 400 grandi yacht da diporto varati ogni anno (un tempo erano i panfili, oggi sono definiti superyacht, megayacht e gigayacht a seconda delle dimensioni) finisce dunque per fare crociera verso gli 8mila chilometri di costa italiana. Si tratti di vela o motore, sono navi e, come tali, offrono enormi spazi interni ed esterni, personalizzati come un vestito sartoriale cucito addosso al cliente, alle sue abitudini, necessitA� e gusti. Spesso, chi ha la possibilitA� di acquistare una barca del genere, ha poi poco tempo per usarla e allora, anche per compensare i faraonici costi di gestione, decide di charterizzarla. Ecco una selezione di cinque dei piA? importanti player nella��ambito del noleggio di navi da diporto.
Alfa Nero, costruito dal cantiere olandese Oceanco, A? unA� 82 metri di nave vestita dallo stile di Nuvolari e Lenard, con interni firmati da Alberto Pinto, maison parigina del design e del dA�cor. Pluripremiata, ha nei ponti esterni un punto distintivo, grazie agli enormi spazi di cui dispone e per come sono allestiti. Elemento di grande attrazione, la piscina a sfioro inserita nel ponte principale, affacciata sul mare grazie alla paratia in vetro trasparente che la delimita a poppa. Se completamente sollevato, lo spazio della piscina viene tramutato in pista da ballo o helipad per la��atterraggio di un elicottero.

Il deck con piscina di Solandge, 85 mt, sette cabine.

Maltese Falcon, la��unitA� a vela dei tempi moderni di cui si A? scritto e parlato di piA?, varata nel 2006 da Perini Navi, design interno ed esterno dello studio inglese KenA�Freivokh, ha interni da sogno ed esterni mozzafiato, proprio in virtA? di quel particolare armo, il dynaship a vele quadre, che la��ha resa giA� una��icona del Terzo millennio con le sue 15 vele divise su tre alberi in carbonio alti quasi 60 metri. Solo 16 persone di equipaggio, perchA� tutti i 2.400 mq della tela al vento possono essere gestiti da una sola persona, grazie a un potente e sofisticato sistema automatizzato. Athena, costruita dagli olandesi di Royal Huisman, A? una rivisitazione della classica goletta, progettata da Pieter Beeldsnijder Design e Dykstra Naval Architects. Lunga 90 metri, ha tre alberi alti come palazzi di 20 piani e 2.500 mq di vele. Il classic style degli esterni, con gestione delle vele sempre automatizzata, resta fedelissimo anche dentro la barca: un trionfo di legno massello, una��ode alla boiserie e al mobilio in mogano, che lascia davvero il profumo della barca da��antan in ciascuna delle sei cabine di cui dispone, tutte con bagni en-suite.

Maltese Flacon

Solandge A? la��emblema della nave di lusso, intesa come ricerca di materiali diversi e pregiati, utilizzati per allestimento e arredi: acero a grana dritta, sicomoro e noce, ma anche i piA? pregiati madrone, radica di olmo e sequoia. Vetri di Murano, sculture, lampade custom, broccati… Costruita dal cantiere tedesco Lurssen, pensata dallo studio norvegese Espen Oeino per lo styling degli esterni e da quello americano Eileen Rodriguez per gli interni, A? una nave di 85 metri di lunghezza per 13,80 di larghezza, con autonomia transoceanica.

Solandge

Se qualcuno volesse emulare la��esploratore Amundsen, perfetti i 74 metri di Legend: costruita come nave rompighiaccio Classe 1 nel a��73, nel 2015 ha subito un radicale refit ad opera del cantiere olandese Icon Yachts, su progetto di Verkerk Yachting Projects.A�Oltre agli aggiornamenti tecnici, a questa nave in grado di percorrere il passaggio a Nord-Ovest, sono state apportate numerose modifiche esterne.A�Inoltre, ha una piattaforma di atterraggio per elicotteri, un sottomarino per la��esplorazione subacquea,A�una Spa balinese, idromassaggio e salone di bellezza, la suite medica, jet-ski, motoslitte…
Per finire, una barca piA? piccola nelle misure: A�soloA� 50 metri per il motoryacht Mangusta 165, costruito da Overmarine e disegnato da Stefano Righini. Ai suoi poderosi quattro motori MTU da 2600 HP ciascuno, sono accoppiati ad altrettanti idrogetti Rolls Royce-KameWa, capaci di lanciare le quasi 500 tonnellate della��unitA� a 38 nodi di velocitA� massima. Sportiva, con grandi spazi aperti, godibili per i 12 ospiti.

  • email
  • Print
  • Facebook
  • Twitter

Comments are closed.