Ottima annata

Case di lusso | di Alessandra Oristano | 03 febbraio 2020, 16:31

Cresce la domanda di residenze di lusso nelle zone a vocazione vitivinicola: dalle Langhe alle colline del Prosecco, dalla Toscana alla Sicilia. Il mercato è in forte ascesa.

Il paesaggio toscano nella sua straordinaria bellezza si conferma come un luogo ideale per chi vuole investire in una proprietà di lusso dove trascorrere tranquille vacanze oppure dedicarsi alla produzione di vini pregiati grazie al clima, al suolo e all’altitudine che rendono questa terra particolarmente generosa. Resta in forte crescita il numero degli acquirenti internazionali, tra cui attori, registi e personalità di spicco, che s’innamorano della Toscana a tal punto da acquistare il rifugio dei propri sogni. «Aumentano anche le richieste da parte di grandi gruppi internazionali di aziende agricole o di casali ben ristrutturati con vigneti», afferma Diletta Giorgolo, Head of sales Central & Southern di Italy Sotheby’s International Realty. Le zone di maggiore interesse sono le colline intorno a Siena e a Firenze, che attraggono gli investitori, come i turisti, grazie il loro incredibile patrimonio artistico. Le località più richieste? Pian dei Giullari e Poggio Imperiale che raggiungono quotazioni sempre più alte. Nel Chianti e nella Val d’Orcia le proprietà più ricercate sono tenute di campagna o case coloniche con giardini, piscina e vigneti. «La crescita d’interesse da parte dei clienti internazionali incrementerà le vendite. Nell’ultimo  anno sono aumentati gli acquirenti provenienti da Cina, Corea del Sud e Stati Uniti», dichiara Annalisa Caparelli, Licence Partner di Engel & Völkers Siena. In futuro si prevede un ulteriore aumento della domanda da parte dei paesi dell’Estremo Oriente di aziende agricole che producono vini di qualità, Docg e Igt con alti punteggi a livello internazionale, dal Nobile di Montepulciano al Chianti.
Lo stesso vale cambiando regione. «Nelle Langhe del Nebbiolo, la tipologia più ricercata è il casale ristrutturato in armonia con il paesaggio vitivinicolo», afferma Leone Rignon, Head of sales Torino di Italy Sotheby’s International Realty. La vite è parte integrante della cultura e del paesaggio anche in Veneto. È una terra ricca di ville di grande valore architettonico come La Paccagnella sulle colline del Prosecco a Conegliano, in provincia di Treviso. In questa zona il mercato immobiliare è in ascesa, soprattutto per residenze d’interesse storico che aumentano il proprio valore nel corso del tempo, con parchi e piscine. «Nel 2019 si è raggiunto un valore di 24 milioni di euro per una prestigiosa tenuta con vigneti», afferma Mauro Lozza, Licence Partner di Engel & Völkers.
Nel Sud d’Italia spicca la Sicilia nella crescita del mercato immobiliare residenziale, l’Isola del vino per eccellenza, terra di sperimentazioni e valorizzazione dei vitigni autoctoni. «Negli ultimi anni si è registrato un aumento delle compravendite delle residenze di lusso», dichiara Antonio Carnazza, Licence Partner di Engel & Völkers nell’isola che si conferma una delle località più strategiche per la crescita del gruppo. L’andamento positivo è determinato dalla forte domanda estera: Svizzera, Germania, Belgio, Inghilterra e Stati Uniti. La zona che si estende tra Ragusa, anche questa Patrimonio Unesco, e Modica è molto richiesta per gli investimenti immobiliari grazie alla bellezza del panorama e all’interesse architettonico degli edifici barocchi, oltre Taormina e Siracusa. Gli acquirenti sono interessati alle tenute di campagna con vigneti e vista sul mare, ma anche sull’Etna. «In generale l’Isola rappresenta un buon investimento per il futuro», conclude Alberto Cogliati, direttore commerciale di Engel & Völkers Italia.
  • email
  • Print
  • Facebook
  • Twitter

Lascia un commento