Green cars

Motori di Nicola d. bonetti
  • Le green car più innovative, tecnologiche e fruibili. Al primo posto, la Bmw i3.

    Le green car più innovative, tecnologiche e fruibili. Al primo posto, la Bmw i3.

  • 2. Tesla Model S

    2. Tesla Model S

  • 3. Volkswagen Golf GTE.

    3. Volkswagen Golf GTE.

  • 4. Audi A3 Sportback e-tron.

    4. Audi A3 Sportback e-tron.

  • 5. Smart Fortwo Electric drive.

    5. Smart Fortwo Electric drive.

  • 6. Citroën DS5 Hybrid.

    6. Citroën DS5 Hybrid.

  • 7. Porsche Panamera S E-Hybrid

    7. Porsche Panamera S E-Hybrid

  • 8. Mitsubishi Outlander Phev.

    8. Mitsubishi Outlander Phev.

  • 9. Lexus CT Hybrid.

    9. Lexus CT Hybrid.

  • 10. Range Rover Sport Diesel Hybrid.

    10. Range Rover Sport Diesel Hybrid.

Auto elettriche pure o con range extender per ricaricare in marcia, ibride tradizionali o plug-in con autonomia estesa anche fino a 120 km e connessione alla rete domestica: vetture di tendenza, eleganti, lussuose e persino sportive di rango. Che scattano con spunto fenomenale, accompagnato da un sibilo lieve, oppure con due o più motori che spingono tutti insieme verso accelerazioni che paiono infinite. O per muoversi in silente rispetto dell’ambiente circostante, anche nelle Ztl. Ecco la classifica delle migliori green car stilata secondo i concetti di innovazione, tecnologia e fruibilità.

  1. 1.
    scheda
    Bmw i3

    La primogenita della i-born generation innova con stile futuribile e architettura rivoluzionaria. Unica con scelta tra elettricità pura e motore aggiuntivo a benzina, per prestazioni, abitabilità e comfort di qualità: è lunga quattro metri e alta 1,6 per una valida accoglienza. Motore elettrico da 125 kW (170 Cv) con 250 Nm di coppia, al quale aggiungere il bicilindrico a benzina da 650 cc e 25 kW per la ricarica in marcia. Velocità massima di 150 km/h, 0-100 in 7,2" spinta dalle batterie al litio con 190 km di autonomia media (minima di 130 km). Listino da 36.500 euro (41.150 con range extender), più le molte personalizzazioni del marchio.

  2. Tesla Model S 85

    La prima sportiva elettrica rilancia dalla California con una berlina sinuosa e coinvolgente, che rispecchia il futuro della categoria, anche negli interni, con l'enorme display in stile iPad. Lussuosa e politically correct, ha grinta e scatto con emissioni zero. Tre versioni, con batterie da 60 e 85 kW con due livelli di potenza. Tesla S 60 con 225 kW (306 Cv), 390 km di autonomia, 0-100 in 6,2" e 190 km/h costa 69.000 euro, mentre S 85 con 502 km autonomia, 270 kW (367 Cv), 0-100 in 5,6" e 200 km/h, circa 79.000. S 85 Performance con 310 kW (421 Cv), 0-100 in 4,4" e 210 km/h, da 92.500 euro. Per tutte, garanzia di otto anni sulla batteria.

  3. Volkswagen Golf GTE

    La Golf GTE dispone complessivamente di 204 CV e 350 Nm, con motore 1.4 TSI da 150 CV, aiutato da un motore elettrico, per un'accoppiata che fa 0-100 in 7,6'' per una velocità massima di 217 km/h. Batterie agli ioni di litio da 8,8 kWh, autonomia massima di 50 chilometri. Sul mercato ad autunno, non esiste ancora un listino prezzi ufficiale: secondo la stampa tedesca, il prezzo  potrebbe aggirarsi sui 36mila euro

  4. Audi A3 Sportback e-tron

    La visione dei Quattro anelli è per una via praticabile: nessun vincolo infrastrutturale, massima estensione dell'autonomia con tecnologia ibrida plug-in e prestazioni sportive. A3 Sportback e-tron unisce il motore 1.4 turbo a benzina all'elettrico con potenza di sistema di 150 kW-204 Cv che le consentono di filare a 222 km/h, scattare da 0 a 100 in 7,6" e consumare solo 1,5 l/100 km, con autonomia complessiva di 940. Mentre con propulsione elettrica raggiunge i 130 km/h e percorre fino a 50 km, la ricarica avviene in due ore e mezza ad alta tensione. Selettore per guida sportiva, elettrica e normale combinata. Ordinabile dall'estate, a prezzo non ancora comunicato.

  5. Smart Fortwo Electric drive

    Se l'acquirente di un'auto elettrica è competente e informato, nel caso della più famosa citycar, prima dell'acquisto l'ha già provata e ne è convinto. L'ha attesa a lungo, e ora sceglie tra coupé e cabrio, o persino la lussuosa versione Brabus. La terza generazione della vettura nata per la città e pensata sin dall'inizio come elettrica, soddisfa e diverte, anche con prestazioni frizzanti. Motore da 55 kW e 130 Nm, 0-100 in meno di 11,5" (ma schizza da 0 a 60 in 5") e 120 km/h con autonomia attorno a 140 km in guida urbana. Ricarica domestica in 8 ore o rapida in una sola, con prezzi da 20.086 euro con batteria a noleggio o 24.978 di proprietà.

  6. Citroën DS5 Hybrid4

    Osare, sorprendere, sedurre: questa la missione della rivoluzionaria DS5, vettura con interni da jet executive e prima Citroën con tecnologia ibrida. Stile e dettagli, confezionati con cura e creatività, uniti a spiccata sostenibilità: motore 1.6 a gasolio ed elettrico per un totale di 147 kW-200 Cv e 450 Nm, 0-100 in e 211 km/h, consumando 3,8 l/100 km. DS5 Hybrid4 può viaggiare elettricamente fino a 70 km/h e fino a 120 in abbinamento, che realizza la trazione integrale. Berlina sportiva e futuribile, con diversità da scoprire nei particolari come cuoio, cuciture e metallo lavorato, che avvolgono guidatore e passeggeri. Da 39.600 euro.

  7. Porsche Panamera S-E Hybrid

    La prima plug-in tra le grandi vetture di lusso: evoluta da Panamera Hybrid, aumenta prestazioni e sostenibilità con il nuovo 3.0 V6 a benzina, per il miglior punto d'incontro tra una grande berlina sportiva e la sensibilità ambientale. Con potenza di sistema di 306 kW-416 Cv, Panamera S E Hybrid raggiunge i 270 km/h, accelera da 0 a 100 in 5,5" e consuma 3,1 l/100 km, più la funzione per veleggiare nel silenzio, risparmiando con i motori disconnessi. Oltre lo sprint (la dinamica è da Porsche), offre autonomia elettrica di 36 km con velocità massima di 135 e si ricarica in due ore mezza ad alta tensione e in meno di quattro con rete normale. Da 114.678 euro.

  8. Mitsubishi Outlander Phev

    Crossover che pare disegnata per mostrare la via del futuro: persino la calandra ricorda i circuiti sui chip. La prima Mitsubishi Plug-in hybrid electric vehicle viaggia con tre motori che interagiscono per la miglior gestione, trazione integrale compresa. Anche fino a 120 km/h in marcia solo elettrica, magari con il due litri a benzina che interviene per ricaricare le batterie, percorrendo ancor più dei 50 km previsti: in poco più di mezzora ripristina l'80% della capacità. Oppure ci si attacca alla rete di casa, una vola arrivati, per cinque ore. Potenza di sistema di 149 kW-203 Cv, 0-100 in 11" e 170 km/h. In consegna da fine maggio, da 45mila euro circa.

  9. Lexus CT Hybrid

    L'ibrido compatto e raffinato secondo chi per primo ha diffuso cultura e tecnologia della mobilità con doppia motorizzazione integrata. La nuova CT Hybrid, con affinamenti di gusto e sostanza, ha motore 1.8 a benzina da 73 kW-99 Cv ed elettrico da 60 kW. Misure urbane e spazio, con understatment tipico del marchio e prestazioni dinamiche con elevata sostenibilità (l'audio ha amplificatore a risparmio energetico e altoparlanti in bambù). La potenza di sistema è di 100 kW-136 Cv, accelera 0-100 in 10,3" e raggiunge i 180 km/h: non è fulminea, ma i consumi sono contenuti a 3,6 l/100 km, come le emissioni di soli 82 g/km di CO2. E il prezzo, da 27.750 euro.

  10. Range Rover Diesel Hybrid

    Sovrana illuminata, la regina delle 4x4 si elettrifica per adeguarsi alla filosofia di sostenibilità, applicando al propulsore a gasolio da tre litri con sei cilindri SDV6 un motore elettrico posto all'interno della trasmissione (automatica a otto rapporti), con potenza di sistema di 250 kW-340 Cv e 700 Nm. Prestazioni identiche a Range con motore Sdv8 (0-100 in 6,7" e 225 km/h) mentre i consumi calano a 6,4 l/100/km. Senza differenze esterne, di abitabilità, né di mobilità fuoristrada, sempre fondamentali per una Range Rover, compreso il Terrain Response 2 per la massima trazione su ogni fondo. In consegna entro l'anno con prezzi da circa 100mila euro.

Classifica elaborata 11 aprile 2014

Lascia un commento