Hotel di Milano

Expo2015 di a cura di giada barbarani e Sara Magro
  • Piazza del Duomo, con la Madonnina che domina la città.

    Piazza del Duomo, con la Madonnina che domina la città.

  • Il bar dell\'Hotel Bulgari affacciato sul giardino, alle spalle dell\'Orto Botanico di Brera.

    Il bar dell’Hotel Bulgari affacciato sul giardino, alle spalle dell’Orto Botanico di Brera.

  • Il Castello Sforzesco visto dal Parco Sempione.

    Il Castello Sforzesco visto dal Parco Sempione.

  • La nuova facciata dell\'Hotel Excelsior Gallia.

    La nuova facciata dell’Hotel Excelsior Gallia.

  • Il nuovo distretto Porta Nuova, che ha ridisegnato lo skyline di Milano.

    Il nuovo distretto Porta Nuova, che ha ridisegnato lo skyline di Milano.

  • La facciata dello storico albergo Principe di Savoia.

    La facciata dello storico albergo Principe di Savoia.

  • La piscina della suite di 1000 mq all\'ultimo piano del Principe di Savoia.

    La piscina della suite di 1000 mq all’ultimo piano del Principe di Savoia.

  • Il Naviglio: oltre i numerosi ristoranti e bar, da visitare il mercato dell\'antiquariato e quello dei fiori (la domenica).

    Il Naviglio: oltre i numerosi ristoranti e bar, da visitare il mercato dell’antiquariato e quello dei fiori (la domenica).

  • Piazza Duomo e Vittorio Emanuele, il corso dello shopping.

    Piazza Duomo e Vittorio Emanuele, il corso dello shopping.

  • L\'albergo di Giorgio Armani, in via Manzoni, con Spa all\'ultimo piano.

    L’albergo di Giorgio Armani, in via Manzoni, con Spa all’ultimo piano.

  • Mostre, ma anche bar e ristorante all\'aperto alla Triennale.

    Mostre, ma anche bar e ristorante all’aperto alla Triennale.

  • Per gli amanti dello shopping, i negozi storici della galleria.

    Per gli amanti dello shopping, i negozi storici della galleria.

  • Servizio di butler al Sevenstar, sette stelle in galleria Vittorio Emanuele.

    Servizio di butler al Sevenstar, sette stelle in galleria Vittorio Emanuele.

  • Per gli amanti dello shopping, il department store Excelsior, in Galleria del Corso 4.

    Per gli amanti dello shopping, il department store Excelsior, in Galleria del Corso 4.

  • Il Four Seasons, in via Gesù, è stato realizzato in un convento del 1400.

    Il Four Seasons, in via Gesù, è stato realizzato in un convento del 1400.

  • Colazione all\'aperto al Fours Seasons.

    Colazione all’aperto al Fours Seasons.

  • Il panorama di Milano, con il Duomo sullo sfondo.

    Il panorama di Milano, con il Duomo sullo sfondo.

  • Per il piacere della gola... la Pasticceria Marchesi, in via Santa Maria alla Porta. Presto, nuova apertura in via Montenapoleone.

    Per il piacere della gola… la Pasticceria Marchesi, in via Santa Maria alla Porta. Presto, nuova apertura in via Montenapoleone.

  • In via Manzoni, di fronte a via Montenapoleone, si trova il Grand Hotel et de Milan.

    In via Manzoni, di fronte a via Montenapoleone, si trova il Grand Hotel et de Milan.

  • Per gli amanti del design, della moda e dei gadget, merita una visita Hi Tech, in piazza XXV Aprile.

    Per gli amanti del design, della moda e dei gadget, merita una visita Hi Tech, in piazza XXV Aprile.

  • Suite con vista sulle guglie del Duomo per il Park Hyatt.

    Suite con vista sulle guglie del Duomo per il Park Hyatt.

  • L\'ingresso del Park Hyatt: da una parte piazza del Duomo, dall\'altra galleria Vittorio Emanuele.

    L’ingresso del Park Hyatt: da una parte piazza del Duomo, dall’altra galleria Vittorio Emanuele.

  • Arte e design allo Spazio Rossana Orlandi,  in via Matteo Bandello 14.

    Arte e design allo Spazio Rossana Orlandi, in via Matteo Bandello 14.

  • L\'ingresso di Palazzo Parigi, in corso di Porta Nuova.

    L’ingresso di Palazzo Parigi, in corso di Porta Nuova.

  • Marmi, stucchi e lampadari caratterizzano la hall di Palazzo Parigi.

    Marmi, stucchi e lampadari caratterizzano la hall di Palazzo Parigi.

  • La suite presidenziale di Palazzo Parigi vista Duomo.

    La suite presidenziale di Palazzo Parigi vista Duomo.

  • Non si può venire a Milano e non ammirare  l\'Ultima Cena di Leonardo da Vinci, nel Refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie. Da prenotare con largo anticipo.

    Non si può venire a Milano e non ammirare l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci, nel Refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie. Da prenotare con largo anticipo.

  • La facciata dell\'hotel Château Monfort, per vivere una favola.

    La facciata dell’hotel Château Monfort, per vivere una favola.

  • Una delle camera da \

    Una delle camera da ”favola” del Château Monfort.

  • Il giardino della Guastalla.

    Il giardino della Guastalla.

  • Design per la lounge del Star Hotels Rosa Grand.

    Design per la lounge del Star Hotels Rosa Grand.

Milano, città della moda, dello shopping, delle tendenze, dell’enogastronomia. Milano, crocevia di scambi economici, finanziari e culturali, pronta ad accogliere, a breve, milioni di persone, in occasione di Expo 2015.  Quale modo per accoglierle al meglio se non in alberghi cinque e più stelle?

ClassLife ha scelto i migliori
: dallo storico Gallia, appena rinnovato, al nuovissimo Palazzo Parigi, che richiama nello stile gli anni 40 e 50. Dal Four Seasons, realizzato in un convento del 1400 in via Gesù, la Savile Row italiana (leggi qui l’articolo) al Bulgari, con meraviglioso giardino affacciato sull’Orto Botanico di Brera e una Spa da Mille e una Notte, come quella dell’albergo Armani, nel quadrilaterio della moda. Sempre qui, sorge un altro indirizzo storico, quello del Grand Hotel et de Milan. Dal Park Hyatt, con ristorante a firma dello chef Andrea Aprea, al vicino Sevenstar Galleria, con vista sulla famosa Galleria.

Senza dimenticare il Prinicpe di Savoia, amato dalle star che scelgono la suite all’ultimo piano con tanto di piscina privata, il Château Monfort, per vivere come in una favola (le camere, infatti, sono a tema) e il Starhotel Rosa Grand, in piazza Fontana, da dove si può toccare il Duomo con un dito. Indirizzi preziosi per i turisti, ma anche per i milanesi, che possono scoprire nuovi ristoranti, bar di tendenza per l’happy hour, cigar room e Spa.

  1. Excelsior Hotel Gallia

    Lo storico albergo di Milano, affaciato sulla piazza della Stazione Centrale, aperto nel 1932, è appena stato rinnovato dal famoso designer milanese Marco Piva, mantenendo il suo fascino immutabile. 53 suites, inclusa la Suite Katara, la più grande d'Italia: 1.000 mq al settimo piano con Spa privata, due terrazze (una di 250 mq) e sala meeting all'ottavo piano. Concierge disponibile 24 ore su 24, ristoranti, bar, wine cellar e una cigar room.

  2. Four Seasons

    A parte che si trova negli spazi di un ex convento del ‘400, a parte che è a nella strada che collega via della Spiga e Montenapoleone, a parte che ha un ottimo chef (Sergio Mei), è uno degli indirizzi più chic. Di stanza, durante le sfilate, Anna Wintour.

  3. Armani Hotel

    Inaugurato l’11 novembre 2011 in un palazzo razionalista del 1937, ha spazi comuni panoramici nel cappello di vetro al 7° e 8° piano: la vista spazia dal Duomo ai nuovi grattacieli dello skyline meneghino. Total look firmato da Re Giorgio dagli arredi al soggiorno che viene organizzato dal Lifestyle Manager.

  4. Château Monfort

    Nel ristorante, piatti e posate alle pareti, teiere e tazze illuninate, sedie a forma di cuore: sembra La Bella e la Bestia.

  5. Grand Hotel et De Milan

    Un hotel, una dimora storica, un monumento dell’ospitalità, dove ha vissuto Giuseppe Verdi (la sua camera è oggi la suite presidenziale) e dove sono passati tutti, da Caruso a Luchino Visconti al Nobel Orhan Pamuk che lo ha raccontato nel Museo dell’Innocenza

  6. Sevenstars Galleria

    È un’esperienza del tipo “una volta nella vita”, eventualmente anche per chi a Milano ci abita: si soggiorna in Galleria Vittorio Emanuele II in camere tutelate dalle Belle Arti, dove nulla, nemmeno il triste intonaco grigio può essere modificato, e che Ettore Mocchetti ha trasformato in elemento di eleganza per spazi hi tech, iperaccessoriati, ben illuminati, in una parola sontuosi.

  7. Park Hyatt

    L’architetto Ed Tuttle ha trasformato un palazzo dell’800 in un cinque stelle lusso, perfetto per chi è in viaggio d'affari (la Borsa è a 5 minuti) o di piacere, e per chi esige atmosfera raffinata anche solo per una pausa caffè vista Duomo.

  8. Bulgari

    Design contemporaneo dello studio Citterio, location strategica tra Brera e il quadrilatero della moda, un giardino di 4.000 mq protetto da un muro vegetale, un ristorante molto nominato, saletta per cene private e fumoir.

  9. Starhotel Rosa Grand

    In una via tra corso Vittorio Emanuele e piazza Fontana, un quattro stelle che non fa rimpiangere le cinque. Per vedere le guglie del Duomo, chiedere le camere al 4° e 5° piano che affacciano su via Pattari.

  10. Hotel Principe di Savoia

    È uno dei simboli dell’ospitalità milanese . Oltre al servizio impeccabile, il suo vanto è l’alta gastronomia. Da provare, anche senza essere ospiti, il ristorante Acanto, dello chef Fabrizio Cadei.

  11. Palazzo Parigi Milano

    Stucchi, marmi, lampadari e una grande scalinata sono il biglietto da visita dell'hotel Palazzo Parigi, aperto da poco più di un anno a due passi da Brera. Un palazzo che ricorda gli anni 40 e 50, arricchito dal touch francese dell'architetto Pierre Yves Rochon, lo stesso del Savoy di Londra, e da pezzi d'antiquariato, opere d'arte e antichi arredi. 65 camere, 33 suites, una Spa di 1.600 m e un giardino di 400 mq, un ristorante gastronomico e un bistrot lounge.

Classifica elaborata 26 marzo 2015

Lascia un commento