Le dieci griffe eco friendly

di Samantha Primati
  • Izzy Lane

    Izzy Lane

  • The North Circular

    The North Circular

  • Emesha

    Emesha

  • Christopher Raeburn

    Christopher Raeburn

  • Shaft

    Shaft

  • Emesha

    Emesha

  • Christopher Raeburn

    Christopher Raeburn

  • Camilla Norrback

    Camilla Norrback

  • Camilla Norrback

    Camilla Norrback

  • Christina Kramer

    Christina Kramer

  • Henrietta Ludgate

    Henrietta Ludgate

  • Camilla Norrback

    Camilla Norrback

  • Izzy Lane

    Izzy Lane

  • Anatomy Fashion

    Anatomy Fashion

  • Anatomy Fashion

    Anatomy Fashion

  • camilla Norrback

    camilla Norrback

  • Leila Hafzi

    Leila Hafzi

Il tema della sostenibilità nel mondo della moda è di grande attualità. Al di là dei grandi nomi della moda, esiste un mondo di giovani designer la cui creatività è totalmente al servizio della natura. Ci sono quelli che si dedicano alla produzione di accessori, e quelli che realizzano abiti di altissima qualità. Ecco la classifica dei migliori marchi eco-friendly.

(guarda anche la classifica delle iniziative eco dei grandi marchi)

  1. Izzy Lane

    Izzy lane produce maglieria con lana di pecore salvate dal macello. Le greggi pascolano liberamente sui prati inglesi e tutti i capi sono realizzati a mano dalle esperte magliaie della Gran Bretagna

  2. 2.
    scheda
    Emesha

    Marchio inglese che produce abiti secondo criteri eco friendly. La particolarità delle collezioni è che tutti i capi sono interamente biodegradabili nell'arco di poco tempo una volta che hanno concluso il loro ciclo di vita

  3. Leila Hafzi

    Le creazioni di questa giovane designer sono secondo i principi del lavoro etico. La produzione è affidata a piccole comunità di artigiani nepalesi. Tutti i tessuti sono biologici

  4. The North Circular

    The north Circular è un marchio inglese che ha rivalutato la saggezza e l'esperienza delle nonne e le ha messe al servizio della moda. Tutta la maglieria che produce è realizzata a mano secondo tradizione antica e ogni capo è realizzato in pura lana organica

  5. Henrietta Ludgate

    Henrietta Ludgate dopo essersi diplomata alla scuola di moda inglese Central St. Martin si è dedicata al recupero delle tradizioni locali scozesi. Produce collezioni che si possono definire di alta moda e le fa confezionare in Scozia secondo la filosofia del Km zero. Ogni capo è curato nei dettagli e realizzato in tessuti organici

  6. Camilla Norrback

    Brand nato nel 1999 produce abbigliamento secondo criteri eco-friendly. La filosofia del marchio consiste nel dare spazio alla creatività della designer senza dimenticare i principi ecologici

  7. Christopher Raeburn

    Le creazioni di Christopher Raeburn partono tutte da una base comune. I tessuti militari e capi militari smessi. Tutti i capi portano l'etichetta «Remade in England»

  8. Christina Kramer

    Dopo aver lavorato per ben dieci anni al servizio di grandi nomi della moda, Christina Kramer fonda il suo brand interamente eco-solidale. Per lesue collezioni di altissima qualità usa solo tessuti biologici

  9. 9.
    scheda
    Shaft

    Per la realizzazione di questi jeans vengono usati solo processi di trasformazione non inquinanti. Tutto il denim è prodotto con un cotone organico che non utilizza OGM, si coltiva senza pesticidi, erbicidi, fertilizzanti sintetici e utilizza tecniche biodinamiche nel pieno rispetto dell’ambiente

  10. Anatomy Fashion

    Le collezioni preziose di Anatomy Fashion sono confezionate interamente in Gran Bretagna da piccole comunità artigianali. I tessuti sono organici e spesso di recupero da fondi di magazzino

Classifica elaborata 06 luglio 2011

Lascia un commento

  • blog