L’Eco del Salone

di alessandra oristano
  • Pouf Leaf Seat rivestiti in feltro di lana Kvadrat di Design by Nico.

    Pouf Leaf Seat rivestiti in feltro di lana Kvadrat di Design by Nico.

  • Kokedama, sfere per coltivare microgiardini di Piuarch.

    Kokedama, sfere per coltivare microgiardini di Piuarch.

  •  Diy, lampada di Rona Meyuchas per Kukka.

    Diy, lampada di Rona Meyuchas per Kukka.

  • Letto Mattia di Mario Prandina per Plinio Il Giovane.

    Letto Mattia di Mario Prandina per Plinio Il Giovane.

  • Tavolini in faggio, frassino o noce americano del designer This Weber per Very Wood.

    Tavolini in faggio, frassino o noce americano del designer This Weber per Very Wood.

  • No. 1 Tripod, lampada - scultura disegnata da Tom Raffield.

    No. 1 Tripod, lampada – scultura disegnata da Tom Raffield.

  • Libreria Niño di Henrique Steyer.

    Libreria Niño di Henrique Steyer.

Dal FuoriSalone di Milano, ClassLife ha scelto sette progetti di design ecosostenibile. Mobili, lampade e complementi d’arredo ecologici che si pongono come primo obiettivo il rispetto dell’ambiente: dalle proposte di aziende e designer del Regno Unito, presentate nella lounge contemporanea The Green Room, all’interno della rassegna Edit by designjunction allestita a Palazzo Morando, fino a un’ironica libreria, frutto della creatività 100% made in Brazil protagonista dell’esposizione a Palazzo Giureconsulti. E poi, un letto essenziale completamente naturale e particolari sfere dove coltivare microgiardini.

  1. No. 1 Tripod

    No. 1 Tripod è una lampada scultura disegnata e realizzata a mano dal designer Tom Raffield nel suo laboratorio in Cornovaglia. È creata con strisce di legno di frassino, quercia o noce curvate a vapore, provenienti da foreste sostenibili e rifinita con vernici atossiche. 968 euro.

  2. 2.
    Leaf Seat

    S'ispirano alle foglie, i pouf Leaf Seat rivestiti in feltro di lana Kvadrat di Design by Nico, un nuovo marchio creato nel 2011 da Nicolette de Waart che produce arredi e complementi 100% made in UK. Si possono usare singoli o accostare in varie combinazioni, o uniti a formare una maxi foglia. 399 euro.

  3. 3.
    Diy
    Diy

    Diy è una lampada per la casa o per l'ufficio realizzata con minimo impiego di materiali: 6 viti, 7 pezzi di legno di faggio, cavi e porta-lampada, tutti assemblati a mano. É un progetto della designer israeliana - britannica Rona Meyuchas, che nel 2010 ha creato lo studio di design Kukka.

  4. 4.
    Niño

    Divertente e ironica, la libreria Niño del designer brasiliano Henrique Steyer è in pannelli Mdf, materiale altamente ecologico perché derivato dagli scarti di lavorazione del legno. E, nella sua versione maschile e femminile, s'ispira alle mitiche bambole di carta. È stata presentata al FuoriSalone all'interno della mostra Brazil S/A, frutto della creatività 100% made in Brazil.

  5. Letto Mattia

    Fatto a mano, in legno di rovere massello il Letto Mattia è completamente naturale, disegnato da Mario Prandina per Plinio Il Giovane. L’intera struttura si monta con estrema facilità con quattro grosse viti di legno, le doghe si inseriscono a incastro nelle guide degli elementi laterali e le due testate, sempre in rovere, si fissano con quattro viti in metallo.

  6. 6.
    Bellevue

    Firmati dal designer svizzero This Weber, i nuovi tavolini in faggio, frassino o noce americano trattati con olii naturali ampliano la collezione Bellevue di Very Wood. I legni adoperati, certificati FSC (Forest Stewardship Council) provengono da foreste gestite in maniera sostenibile e da piantagioni controllate. Sono disponibili in diverse misure: tondo con diametro di 40 cm, h 42 o 55 cm, o rettangolare con un piano di 65x45 cm e h 35 o 45 cm.

  7. 7.
    Kokedama

    Lo studio di architettura Piuarch e Cornelius Gavril, paesaggista e green designer, hanno ideato al FuoriSalone l'installazione OrtoVolante, un'opera galleggiante dove sono disseminate 150 Kokedama: particolari sfere composte da terricci argillosi, piante aromatiche, ortaggi e fiori commestibili, costruite secondo un'antica tecnica giapponese per coltivare microgiardini in spazi limitati. Nella foto: Kokedama, sfere per coltivare microgiardini di Piuarch.

Classifica elaborata 11 aprile 2014

Lascia un commento

  • blog