Telai bespoke

Motori di Nicola D. Bonetti

Artigianali, special, custom, tailor-made, on-off: definizioni che, a diverso titolo, indicano motociclette particolari. Dagli oggetti nati per essere osservati più che da immaginare in corsa, fino alle due ruote pensate per le elevate prestazioni, tutte però adatte all’uso reale. Alcune sono progettate su ordinazione e costruite e mano, altre rese uniche dai desideri del cliente. Sono realizzate da costruttori di nicchia, grandi appassionati di moto, che spesso le salvano dalla demolizione, ripensandole completamente. Possono essere anche versioni personalizzate di recentissimi modelli di produzione industriale, modificate fino a diventare un marchio. Tutte sono accomunate dall’esclusività. Dall’Italia alla California, dal Giappone all’Australia, gli appassionati conoscono, apprezzano e amano le botteghe dove geniali artigiani creano uno stile unico nel rappresentare la passione per questi motocicli. Nomi come Kimura e Norton, Anvil, Deus ex Machina e Borile, in grado di emozionare con oggetti da consegnare alla storia della motocicletta. O, almeno, al grande capitolo delle moto uniche.

  1. Shinya Kimura

    Shinya Kimura fondò in Giappone la Zero Enginering nel 1992, per trasferirsi poi in California, dove nel 2006 creò la Chabbott. L’idea è quella di salvare vecchie Harley-Davidson, alleggerendole all’essenziale e realizzando parti semplici in alluminio, da lanciare nelle Land Speed Racing dove Kimura le pilota personalmente. La Spike è definita «rude ritorno all’origine» e deriva da una Knucklehead del 1946. Ogni elemento è ridotto alle pure funzioni di base, che si fondono con la visione occidentale delle prestazioni. Senza concessioni alla modernità.

  2. Deus ex machina

    Dem o Deus sono abbreviazioni per indicare gli iniziati e gli appassionati del marchio australiano nato nel 2006, o frequentatori dei locali aperti da Los Angeles a Bali: ristoranti, ritrovi dove si respira la passione per certe moto, per il surf, le biciclette e per l’abbigliamento adatto. Tutto questo, da marzo, è anche al Deus Café di Milano (via Thaon de Revel 3), comprese le moto: rinate dagli anni 70 e 80 come la Yamaha Scorpio 225 The Mouse Trap (dal famoso romanzo di Agatha Christie; ). Già ordinabili, sono ridotte all’essenziale e ricostruite in pezzi unici attorno ai motori. Da circa 12mila euro.

  3. Harley-Davidson

    Speciale tra le speciali: se nessuna motocicletta di Milwaukee è uguale a un’altra, l’etichetta Custom Vehicle Operations è la vetta della produzione, con serie limitate e ricche dotazioni. L’ultima è la CVO Breakout, softail in stile hot-rod con verniciatura all’avanguardia e cerchi Turbine, proposta per il 2013 in 1.900 esemplari. Motore Twin Cam da 1.802 cc con abbondante cromo, dotazioni tecnologiche, telo coprimoto con logo CVO per rimessaggio interno ed esterno di serie. Prezzo da 29.500 euro, con welcome kit e un anno di soccorso stradale in Europa.

  4. Millepercento

    Questa factory brianzola è animata da appassionati che preparano qualsiasi Moto Guzzi con allestimenti personalizzati e prestazioni impensabili all’origine, arrivando a realizzare marchio e modelli propri. La BB1 monta un motore da competizione. Il bicilindrico da 1.420 cc (raffreddato ad acqua) con 134 Cv è davvero possente, con una spinta che sconvolge fin dai bassi regimi. Americana nell’aspetto pur essendo completamente italiana nel gusto e nella sostanza, la grande bicilindrica sorprende per agilità e divertimento di guida già in città, fino ad accelerazioni impressionanti. Prezzi da 24.800 euro.

  5. Anvil Motociclette

    Hell Made: il simbolo è un’incudine dove forgiare, tra fiamme, fumi e ferri roventi, le lamiere di moto degli anni 70-80, per farle rinascere con un carattere fortissimo, anche su progetto del cliente. Moto nelle quali Marco Filios e Alessandro Phonz Fontanesi infondono passione, rigore e amore per i motori, realizzando esemplari unici e irripetibili. Come la moto Guzzi Sp 1000 del 1985, alleggerita e reinterpretata: non un restauro, ma una nuova moto con fascino d’altri tempi. I due appassionati intervengono anche sui mezzi del cliente, estrapolandone lo spirito, da esaltare nella trasformazione fino alla rinascita.

  6. 6.
    scheda
    Borile

    Umberto Borile è un artigiano padovano che lavora con perfezione orafa. Progetta e costruisce moto speciali, una a una. Tra le più recenti realizzazioni, l’essenziale Multiuso (4.700 euro), l’esclusiva scrambler B500 Ricki in serie limitatissima (17.500 euro), e la Bastard (nella foto) con telaio in lega leggera, declinabile per strada o fuori. Venduta nuda (9.500 euro) o con motore 450 Borile con elementi Ducati o GM con cambio separato Norton (16mila euro). Lo stile continua con la collezione di abbigliamento e con le giacche realizzate con tessuti scelti dal cliente.

  7. 7.
    BMW
    scheda
    BMW

    Hp4 è la più leggera moto da 1.000 cc: grazie anche a ruote fucinate e scarico in titanio, non arriva a 2 quintali con il carburante. Le prestazioni sono ideali per le gare: pur essendo omologata, la moto esce dalla fabbrica già configurata per la pista, compreso il raffinato Race Abs, l’adattamento automatico delle sospensioni, il launch control e il cambio assistito. Lasciando parlare i numeri, 193 Cv a 13.000 giri con soli 169 kg a secco, per scattare da 0 a 100 in 2,9 secondi. Al prezzo di 21.500 euro si possono aggiungere il pacchetto competizione a 3.250 euro oppure il kit passeggero, più antifurto e manopole riscaldabili, secondo i gusti.

  8. 8.
    scheda
    Norton

    Un mito nato dalle gare in pista, con prestazioni che da sempre sono unite allo stile. Fin dalle celebri Norton Manx da gran premio, la livrea argento con filetti neri, oppure nera con scritte dorate, ha sempre distinto le sportivissime moto inglesi. La Commando 961 Sport è una bicilindrica da 80 Cv, diretta discendente di una serie con origini storiche. Resa attuale nelle prestazioni dalle sospensioni Öhlins e dai freni Brembo, pesa 188 kg a vuoto: è personalizzabile secondo i gusti, in versione mono o biposto (20.300 e 21.500 euro), anche in colorazione rossa, oltre alle due classiche del marchio.

Classifica elaborata 07 giugno 2013
  • email
  • Print
  • Facebook
  • Twitter

Lascia un commento